Siamo tutti pupi

MYOP Salvatore Bumbello WORKE più di tutti lo è Salvo Bumbello, figlio d’arte, maestro costruttore di pupi, artigiano di storie, voce del suo Teatro, della “sua” Opera dei Pupi. MYOP con la famiglia Bumbello, con la compagnia “Brigliadoro”. Siamo tutti pupi. E tutti pupari.

Cuntiamo storie. Siamo nati così, iniziando a raccontare e immaginare, dando forme alle visioni, nominando tutto, dando parola a ogni cosa, mentre camminavamo lungo il percorso che c’ha portato fuori dalla grotta della nostra protostoria. Cuntando e mentendo (non è importante a quale fine).

Lo ha fatto anche Ulisse alla corte dei Feaci.

Recitano “soggetto”, i pupari, e prima di loro lo faceva chi cantava il cunto; sì perché come la volete chiamare la cantilena di quelle epiche battaglie, dell’epopea cavalleresca franco-normanna. Non è così lontana la contaminazione che ha trasformato novellatori popolari, a braccio, in teatranti da Chanson de Roland. Ma non è questo il punto. E se volete approfondire andate a trovare Salvo nel suo laboratorio.

Vi dirà  di viandanze, pellegrinaggi e case-teatro. Vi spiegherà come sono nate le serie tv, con quale maestria i pupari conoscevano il ritmo delle storie e dei finali sospesi. Vi dirà  che il “mestiere è cento pupi”, proprio così: per lui il mestiere non è l’arte di saperli fare o di animarli, è i pupi stessi. “Per avere un buon mestiere occorrono almeno cento pupi” dice.

Salvo è l’anima delle marionette che lo abitano, in un gioco di specchi che non ha nulla da invidiare ad Alice e al suo paese delle meraviglie. Ma Salvo è soprattutto un artigiano. Lavora il legno, la stoffa, i metalli; batte, leviga, struscia, salda, scalpella. E racconta. Mentre lavora, mentre sorseggia il suo caffè, mentre si muove nascosto, in bilico, nel suo Teatro dell’Opera dei Pupi. Cercavamo la piacevolezza del teatro e della tradizione e abbiamo trovato una fucina, un laboratorio, un’officina di artigiani, tutti racchiusi nel corpo di un solo uomo che, come un pupo, parla per metafore e manifesta con la voce e il corpo Orlando, Rinaldo, Re Carlo, Bradamante, Ferraù, Brigliadoro, Doralice, uno alla volta e tutti insieme, mentre beviamo un caffè al bar accanto alla sua bottega.

 

MYOP Salvatore Bumbello SCUDI

Share your thoughts

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.