Fabio Stassi

FABIO STASSI

Le storie sono ritorni.

Mia nonna non usava la parola emigrante, usava la parola desterrado. Sradicato, strappato dalla terra a forza. A casa mia non si partiva, si spartiva. Ogni volta che qualcuno andava a cercare lavoro fuori, da qualche parte, nel mondo, era una spartenza. Sono cresciuto con questo sentimento addosso, di avventura e nostalgia insieme, e ho ereditato una genealogia strampalata di desterradi, zapateri e vrascadù. Sin da bambino, scrivere è il mio modo di tornare a casa e di cercare una voce.

Ha esordito nella letteratura nel 2006. Da allora ha pubblicato, per Minimum Fax: È finito il nostro carnevale, La rivincita di Capablanca e Il libro dei Personaggi letterari, e per Sellerio: L’ultimo ballo di Charlot, Come un respiro interrotto, Fumisteria e La lettrice scomparsa. Ha scritto anche una graphic novel con Federico Appel, La leggenda di Zumbi l’immortale (Sinnos), e il romanzo per ragazzi L’alfabeto di Zoe (Bompiani).