Marco Giambrone

MARCO GIAMBRONE

Le radici sono il futuro.

Lavoro in azienda da sempre, vivevo qui. Dopo la scuola andavo a mungere le vacche, era divertente, seguivo i miei fratelli più grandi. Poi mi sono diplomato, ho provato altri lavori, ma non ho mai smesso di dedicarmi all’azienda di famiglia. Adesso è la mia attività principale.

Sono il sesto di sei figli, tutti impegnati a far crescere il frutto della pazienza e costanza dei miei genitori. L’azienda agricola è nata negli anni ’50, producevamo frutta e ortaggi, e formaggio in piccola quantità, con pochi animali. Ancora non c’era l’idea del caseificio. Poi abbiamo incrementato i capi e iniziato a vendere il latte a cooperative o grandi stabilimenti industriali siciliani. Ma alla fine degli anni ’90 abbiamo deciso di controllare tutto il processo, dagli animali al formaggio.

Abbiamo scommesso, mantenuto la produzione ortofrutticola, avviato il caseificio, aumentato il numero di capi, con lo scopo di unire produzione tradizionale siciliana (provola, canestrato, caciocavallo) a un contesto più moderno, e di recente abbiamo trasformato l’azienda in Fattoria Didattica.

Il prodotto più divertente e caratteristico dell’azienda sono gli Ainuzzi. Li realizziamo io, mia madre e mio fratello Pasquale: tipici della religiosità agrigentina, sono piccoli cervi, daini, cavallini e capre di formaggio vaccino a pasta filata. In passato erano decori per le statue dei santi che uscivano in processione al Corpus Domini.

Marco Giambrone è fotografo, pittore e soprattutto musicista, ideatore di numerosi progetti di sperimentazione sonora, ha collaborato con artisti italiani e non solo. Ma anche, insieme a sua madre Vincenza, suo padre Salvatore e i suoi fratelli, cognate e nipoti, responsabile del caseificio dell’azienda Giambrone. Marco è continua sperimentazione, in ogni suo campo. Giambrone è un produttore per DINNER4.ME.